Vittoria del No, associazioni categoria si chiedano perché

Commento scritto per VVox.

In Veneto i No hanno vinto con il 61,9%. Una vittoria schiacciante, rafforzata da un’incredibile affluenza del 76,6% (alle ultime politiche era stata poco più alta dell’80%, per capirci). Una vittoria potente, corale, di popolo.

Una vittoria della Lega di Salvini? Sarebbe riduttivo. Non solo per lo schieramento ampio schierato sul No (leghisti e forzisti, certo, ma anche grillini e gran parte della sinistra sociale). Ma anche perché segnala chi ha veramente perso in Veneto. Non solo il Pd, nella sua giravolta rottamatrice e liberale. Ma soprattutto l’incredibile ed unanime schieramento di quei “grandi” imprenditori e di quelle burocrazie associative schierati a difesa di una riforma che era – fondamentalmente – simbolo della loro posizione di potere.

Praticamente tutte le associazioni di categoria (e la Cisl, il sindacato più rappresentativo della Regione) erano schierati con la riforma. Questo non è bastato. E in un tempo in cui numerose i richiami alla “crisi della rappresentanza” si fanno quotidiani, viene da chiedersi: e se in crisi fossero i rappresentanti? Se il problema non fossero i corpi intermedi, ma le burocrazie che li guidano?

Il Veneto si è schierato, risolutamente, contro un sistema economico e sociale percepito come lontano e truffaldino (e sulle banche popolari c’era qualcosa di più di una percezione…). Le associazioni di categoria dovrebbero iniziare a farsi qualche domanda sulla parte della barricata in cui dovrebbero stare. Prima che l’onda travolga anche loro.

Annunci

I commenti sono chiusi.