Come il Labour eleggerà il nuovo leader

Articolo scritto per TRed.

Dopo la cocente sconfitta delle elezioni generali e le dimissioni di Ed Miliband, si apre ora per il Labour la fase congressuale. Fin dal 19831 il leader è sempre stato eletto con un sistema che ripartiva i voti alle tre “gambe” del partito: il gruppo parlamentare, gli iscritti alle federazioni territoriali e gli iscritti alle organizzazioni affiliate (sindacati, ma anche associazioni tematiche, think tank, etc.).

I tre gruppi votavano separatamente fra loro e il risultato di ogni singola “gamba” valeva il 33,3% del risultato finale2. Da quest’anno invece ogni iscritto (quale sia la sua provenienza) voterà in un collegio unico, e quindi ogni singolo voto peserà uguale.

Entro metà giugno ogni aspirante Leader o Deputy Leader (vicesegretario) dovrà raccogliere l’appoggio di almeno 35 deputati del partito (che sono ora 232). A metà agosto entreranno quindi in gioco gli iscritti, che potranno votare per corrispondenza o online. I risultati verranno annunciati il 12 settembre, durante la Conference annuale.

Da quest’anno i membri dei sindacati federati non vengono automaticamente considerati come iscritti al partito. Potranno esprimere il proprio voto infatti solo quelli che ne abbiano esplicitamente fatto richiesta. Infine, per la prima volta il voto è stato aperto anche ai semplici simpatizzanti che si siano registrati online pagando tre sterline (poco più di quattro euro).

Questa “democratizzazione” del sistema congressuale voluta da Ed Miliband è mirata soprattutto a dare centralità e potere agli attivisti della base laburista, a scapito del gruppo parlamentare e dei sindacati. L’apertura del voto ai simpatizzanti è stata invece pensata come risposta alla crisi di radicamento sociale del partito – e in un certo senso contraddice il principio precedente3.

—- ★ —-

1. Prima il Leader era votato solamente dal gruppo parlamentare.
2. Fino al 1994 le organizzazioni affiliate esprimevano il 40% del voto finale, e le altre due gambe il 30% ciascuna.
3. E no, non funziona. Ma ognuno deve fare i propri errori.

Annunci

I commenti sono chiusi.