Spunti per un’apologia del populismo

Il populismo e la sua denigrazione sono ormai diventati un argomento topico nella discussione politica della sinistra italiana. Esso viene usato come una clava tanto fra i partiti del centrosinistra, quanto all’interno dei partiti stessi. Quest’uso improprio della categoria “populismo” è dovuto prevalentemente all’identificazione fra Berlusconi (e il leghismo) e il populismo stesso. Quando un esponente delle opposizioni viene tacciato di “populismo”, viene più o meno consciamente tacciato di essere simile a Berlusconi e a Bossi, e di conseguenza viene teoricamente posto al di là di quella netta linea di divisione che separa nella mentalità comune i due schieramenti, visti non solo come portatori di differenze politiche, ma anche di differenze culturali, se non antropologiche.

Ricordiamo bene le critiche che si facevano a Grillo all’acme della sua visibilità politica: presentano non pochi elementi in comune con le critiche che ciclicamente vengono rivolte ad Antonio Di Pietro, a Silvio Berlusconi e ai più vari esponenti leghisti. Non nego certamente che questi attacchi, così simili per argomentazioni e così diversi per i posizionamenti politici degli attaccati, abbiano un elemento in comune, anzi, ritengo che proprio da questo elemento in comune debba partire la riabilitazione del populismo.

Come possiamo notare dall’eterogeneità politica dei personaggi tacciati di populismo, l’elemento caratterizzante di questo termine non è tanto l’elemento sostanziale, quanto quello formale. Ciò per cui i “populisti” sono attaccati non è tanto il contenuto del loro pensiero, quanto i modi con cui lo stesso è stato espresso. Sostanzialmente, si viene a criticare la troppa semplificazione del messaggio politico espresso.

Questa è una critica che non è del tutto infondata: in un certo senso, la troppa semplificazione dell’argomento può portare i fruitori della dichiarazione a sottovalutare la difficoltà di risoluzione del problema stesso. Al netto di questo elemento negativo, che suggerisce un uso moderato e controllato di questo tipo di comunicazione, è francamente difficile comprendere la diffidenza degli esponenti del Partito Democratico verso il populismo inteso come strumento comunicativo.

Le proposte populiste di Antonio Di Pietro sono spesso accompagnate da un coro di critiche da parte degli esponenti democratici. Questi capiscono che le “sparate” (usando il linguaggio dagli stessi usato) di Di Pietro riescono ad arrivare al cuore del loro popolo, e sentono che questo potrebbe erodere il loro consenso, dovendosi essi limitare a toni più moderati pur di mantenersi al di qua di quella linea mentale di cui abbiamo parlato sopra. Di conseguenza, invece di porre obiezioni sostanziali alle proposte dell’ex-magistrato, pongono obiezioni formali. E qualora sottolineino il fatto che la proposta politica dell’Idv si basi esclusivamente sul cosiddetto anti-berlusconismo, le loro critiche appaiono alla pubblica opinione aria al vento, dal momento che lo stesso loro partito non possiede (e quindi non esprime) un coerente e definito progetto politico.

Ma, nella pratica, il Partito Democratico rigetta completamente la tecnica comunicativa populista? Sembrerebbe di no, analizzando lo slogan della prima mobilitazione nazionale della segreteria Bersani: “Sempre i problemi suoi, mai i problemi nostri”. La semplificazione alla base di questo slogan è totale: si sottintende che il governo Berlusconi non si sia mai occupato di questioni di interesse pubblico, affermazione quantomeno parziale. Se il Pd volesse nella pratica perseguire i richiami contro il populismo dipietrista e delle destre, avrebbe dovuto usare uno slogan decisamente meno efficace. Ovviamente questo non è stato fatto.

E da questa contraddizione si può, a mio parere, giungere alla risoluzione del problema. Abbiamo visto di come, nella pratica, si sia naturalmente portati ad una semplificazione del linguaggio politico. Una semplificazione che, ricordiamo, era ampiamente sfruttata, nella Prima Repubblica, dalla propaganda dei partiti di massa, in primis dal Partito Comunista Italiano (ma come dimenticare il memorabile “Nel segreto dell’urna, Dio ti vede, Stalin no!” della campagna elettorale del 1948 della Dc?). Il problema, quindi, non sembra stare nella tecnica semplicistica di comunicazione, quanto nelle motivazioni della critica. Troppe volte in passato si è cercato di differenziarsi, in modo forse eccessivamente elitario, da altre forze politiche sfruttando una differenza di toni comunicativi, invece che una sana differenza politica.

Fatta questa semplice considerazione possiamo tirare le somme. L’uso del populismo, inteso come tecnica comunicativa, è un elemento necessario e indispensabile nell’acquisizione dell’egemonia politica, ideologica e culturale. Quando il nostro Partito riuscirà a liberarsi dell’ipocrita buonismo che gli sbarra la strada della comunicazione in termini semplificati e, nei limiti, distorti, farà un grande passo avanti. Sia nell’aumentare il consenso presso il proprio elettorato di riferimento, sia nell’insinuare nell’elettorato di riferimento delle destre il proprio progetto politico. Ammesso e non concesso che questo progetto politico sia stato nel frattempo chiaramente elaborato.

Tante care cose

Annunci

3 commenti »

  1. enrico said

    la questione è più complessa. Lo dico spesso che il nostro problema non è solo comunicare. Quello è l’ultimo dei problemi (non perchè meno importante ma ultimo perchè è la conseguenza di decine di altri problemi).
    A noi mancano:
    – ELABORAZIONE POLITICA pezzi di partito che facciano un’elaborazione ideologica legata alla contemporaneità;
    – CLASSE DIRIGENTE CORAGGIOSA un gruppo che ci guidi che sia allo stesso tempo ottimo dal punto di vista comunicativo, discretamente accentratore nelle scelte strategiche, coraggioso e adatto a questi tempi:
    – PERSONE E NON PEZZI DI SOCIETA’ la capacità di intercettare le persone con un programma che parli direttamente ad ogni singola persona in quanto tale e non a pezzi di società (“i cattolici”, “il nord”, “gli ex socialisti”, “gli juventini”). Berlusconi parla al paese, noi a tanti pezzettini di Paese.

    Le conseguenze creano problemi di comunicazione e forma partito
    – FORMA PARTITO una struttura veramente capace di stare sul territorio, capace di essere cattivamente concorrenziale con gli altri, con militanti che vanno casa per casa
    – COMUNICAZIONE non siamo mai capaci di sfruttare occasioni importanti, non abbiamo una linea comunicativa ma soprattutto non abbiamo SIMBOLI, IDENTITA’. Per assurdo non abbiamo nemmeno un colore che ci identifichi. Avevamo uns imbolo splendido (l’Ulivo) e l’abbiamo gettato al macero.

    Quindi semplificando non abbiamo elaborazione politica perchè c’è una classe dirigente autoincensatoria e autocelebrativa (qualsiasi area) e di conseguenze ci manca tutto il resto…

  2. Sono perfettamente d’accordo, però la mia era solo un’analisi sulla diffidenza del nostro partito verso il populismo, intenso come metodo di comunicazione. Come ho precisato alla fine, non è questa diffidenza il nostro problema, ma la mancanza di un progetto politico chiaro e identificabile. In populismo viene dopo la proposta politica, questo è chiaro, ma intanto cerchiamo un po’ di eliminare dalla nostra discussione interna questo falso-problema. Concentriamoci sulla proposta politica e, soprattutto, su quella ideologica.

  3. […] e Grillini)? Al di là della rilevante risposta a questa domanda, per ragioni che ho già spiegato altrove, non condivido assolutamente l’identificazione della categoria “populista” in solo certi […]

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Se proprio c'hai voglia, lascia un commento.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...